mercoledì 8 dicembre 2010

Minturno: Due artisti di Tremensuoli espongono alla XIII edizione di "Natale al castello", fino al 13/12/10.







Ritorna, a Minturno, l'appuntamento con "Natale al Castello", la Mostra-Mercato del Presepe, dell'Artigianato, dell'Antiquariato e dell'Oggettistica. L'esposizione, promossa dall'Assessorato al Turismo ed alla Cultura, inaugurata sabato 4 dicembre. La manifestazione è dedicata alla produzione artistica ed agli aspetti artigianali, che caratterizzano, da secoli, la rievocazione della nascita di Gesù. La rassegna, giunta alla tredicesima edizione, è allestita nelle sale del Castello (del quale fu ospite nel 1272 San Tommaso d'Aquino) e chiuderà i battenti il 13 dicembre. Mercoledì 8, alle 20, si svolgerà una tombolata, il cui ricavato andrà in beneficenza, mentre sabato 11 e nei giorni festivi si terrà una degustazione di piatti locali. La Mostra-Mercato ha registrato, negli anni scorsi, migliaia di visitatori, provenienti da vari centri della provincia, dal Casertano e dal Cassinate. Silvano Masini, di Tremensuoli, anche quest'anno partecipa alla Mostra al Castello Baronale di Minturno, con i suoi lavori a pirografia e con tecnica mista (alluminio ed argento lavorato a sbalzo). Tra i lavori di Masini di un certo pregio ci sono:
  • Un'icona su lamina d'argento;
  • Un grande pannello di centimetri 70 x 90 nel quale è riprodotto (in tecnica mista) la bellissima Madonna di Fiesole, una terracotta attribuita a Brunelleschi;
  • Un'icona realizzata con una tecnica mista speciale, con mosaico di metallo, pirografia, colori acrilici e da vetro, per la quale ha impiegato oltre trenta ore di lavoro;
  • Un'altra icona è la Madonna Litta attribuita ad un allievo di Leonardo da Vinci (l'opera originale pare che sia andato perduta).
Un’altra tremensuolese, Anna Lamonica, sta esponendo dei suoi bellissimi lavori (tovagliette e centro-tavola) realizzati con bellissime pitture su stoffe colorate (con greche e disegni vari), lavori pregiati che risaltano subito alla vista ed alla sensibilità artistica della Lamonica. Le stoffe pregiate esposte, disegnate con maestria e amore, con precisi e bellissimi colori, parlano da sole d'una bellezza e d'un mondo passato che  Anna fa amare e riapprezzare. Questo è il compito degli artisti: far rivivere antichi mestieri scomparsi e far tornare di nuovo i fasti del tempo passato. Quel tempo passato che ci faceva apprezzare le cose belle e realizzate con tanto amore e precisione.
La retrospettiva minturnese è aperta al pubblico il sabato e nei giorni festivi (ore 10-13 e 17-21). L'ingresso è libero. Le comitive di studenti potranno ammirare la rassegna di mattina, dal lunedì al venerdì (ore 9-13), prenotando la visita ai numeri 07716608250 - 07716608249 (fax)

lunedì 6 settembre 2010

I Laziali festeggiano il Ferragosto in Argentina.






Come vuole la tradizione, i Laziali residenti a Mar del Plata (Argentina), hanno festeggiato il Ferragosto Romano 2010. L’Associazione “FAMIGLIA LAZIALI UNITI” di Mar del Plata e dintorni hanno organizzato un pranzo tipicamente laziale con bruschetta, spaghetti all’Amatriciana (rossa e bianca) e la Porchetta, che ha fatto da regina. L’obbiettivo dell’evento è anche di voler raggruppare gli oriundi laziali e le loro famiglie, per mantenere e trasmettere il costume e la tradizione della Regione. La folta presenza di connazionali, dai nonagenari all’ultima nata, è stato un marchio d’allegria, con qualche lacrimuccia per la nostalgia della Terra Madre. La partecipazione dei numerosi discendenti laziali, ha dimostrato che si sta percorrendo la strada giusta e che le radici sono solide. Senza dubbio i giovani sono il punto di riferimento ed è a loro che bisogna rivolgere l’attenzione degli anziani per preparare il futuro. I membri dell’Associazione “Famiglia Laziali Uniti” ringraziano l’autorità Consolare presente, il Comitato e gli amici. Come si dice a Roma: “Quanno à trippa è piena l’anema canta”; non sono mancate le canzoni romanesche quindi dopo “nà magnata e nà bevuta”, tutti a cantare ed a ballare. Nella mia veste di Presidente dell’Associazione, in nome del Consiglio Direttivo, ringrazio tutti quelli che hanno reso possibile, con la loro partecipazione, questa festa che, come sempre, è stata un punto di ritrovo e d’allegria. Info: adonofrio@speedy.com.ar - Esteban Echeverrìa 247, Mar del Plata, Argentina. W l’Italia, W il Lazio.

Assunta D’Onofrio

mercoledì 11 agosto 2010

Pasquale Simeone: Salvataggi a mare.

Intervista a Pasquale Simeone,assistente bagnanti o guardaspiaggia ha vigilato per più di 50 anni sulla sicurezza di chi ha frequentato stabilimenti balneari al mare del Tirreno e dell'Adriatico. Lo sente nel sangue, osserva i bagnanti anche fuori orario di servizio ed è sempre pronto a soccorrere chi è in situazione di pericolo in acqua.

Pasquale Simeone: Ricordi di oltre 150 salvataggi a mare.

Intervista a Pasquale Simeone, assistente bagnanti o guardaspiaggia ha vigilato per più di 50 anni sulla sicurezza di chi ha frequentato stabilimenti balneari al mare del Tirreno e dell'Adriatico. Lo sente nel sangue, osserva i bagnanti anche fuori orario di servizio ed è sempre pronto a soccorrere chi è in situazione di pericolo in acqua.

lunedì 9 agosto 2010

Tremensuoli: San Nicandro 2010 (In ricordo di Mimmo).






La festa in onore a San Nicandro, protettore di Tremensuoli, frazione collinare di Minturno è terminata anche quest’anno. La centenaria manifestazione di fede ha però visto un calo di presenze, a causa di un visibile ridimensionamento del programma civile. L’idea del parroco, Padre Luigi di officiare le sante messe, della sera di sabato 7 e del giorno di festa domenicale, in Piazza San Nicandro, all’aperto ha permesso di rendere omaggio al santo protettore ad un consistente numero di fedeli, sia residenti, che tornano al “paesello” da ogni parte del mondo per stringersi intorno a San Nicandro Martire. La processione di domenica 8 agosto ha percorso, come sempre, le viuzze dell’antico bordo minturnese, facendo sosta agli altarini devozionali sparsi per Tremensuoli; Padre Luigi ha cercato di sensibilizzare gli abitanti nell’intento di non sfaldare una comunità che è da sempre il cuore pulsante della collina tremensuolese, mettendo da parte gli asti, i pregiudizi, le critiche, cercando invece di diventare una comunità stretta intorno alla parrocchia ed al patrono. La benedizione dall’altare posto sul palco di “Capotrivio” si spera che abbia fatto aprire il cuore e la mente dei fedeli presenti in piazza, rafforzata anche dalle parole del rappresentante dell’Amministrazione Comunale di Minturno, Pietro D’Acunto, che si è proposto quale collaboratore per le prossime edizioni della “Festa”, e commuovendosi nel sentirsi tremensuolese doc. Negli ultimi anni la grande testimonianza d’amore per San Nicandro era riuscita fondere insieme la fede con la parte ludica grazie all’impegno dei vari comitati dei festeggiamenti, che purtroppo quest’anno sono venuti a mancare, per motivi sconosciuti. Siamo sicuri che San Nicandro farà il “miracolo” di unire i tremensuolesi e che li faccia animare dallo spirito giusto affinché la comunità locale diventi un corpo ed un’anima solo, cercando di mantenere sempre viva la devozione al Santo per non far “morire” un pezzo di paradiso, come ha affermato Padre Luigi, caro a quanti, emigrati in tutto il mondo, non hanno mai dimenticato le proprie origini. Domenica 8 agosto, è stata rispettata la tradizione dei “Botti di San Nicandro”; nelle serate del fine settimana di festa è venuta a mancare l’appuntamento con lo spettacolo, seguito dalla delusione di quanti, come ogni anno, sono venuti a godersi la brezza della collina, la bellezza del panorama del Golfo di Gaeta, e che hanno trovato solamente alcune esibizioni di personaggi locali che hanno cercato d’allietare le serate della festa. Non possiamo fare a meno di ricordare il nostro carissimo Mimmo che tanto ha fatto per le precedenti edizioni dell'evento di fede. Appuntamento al 2011, sempre nella seconda domenica d’agosto, sperando che la festa torni grande come San Nicandro sicuramente vorrebbe.

lunedì 4 gennaio 2010

Silvano Masini ed i suoi lavori.


-->
Silvano Masini, artista di Tremensuoli, ha partecipato alla Mostra, al Castello Baronale di Minturno, dal 5 al 13 dicembre 2009. Quest'anno ha portato, tra gli altri lavori, una novità: una Madonna con Bambino, con lavorazione a mosaico di metallo (alluminio) di tutta la figura rappresentata (escluso i volti e le mani) per la quale ha impiegato oltre trenta ore di lavoro. Come l'anno scorso sono venute numerose scolaresche da tutta la provincia di Latina (Cisterna, Latina, Terracina, Monte S. Biagio, Formia e Castelforte) e pure da Isola Liri (Frosinone). Ad alcune scolaresche di ragazzi più grandicelli (quarta elementare a salire), le cui maestre hanno percepito la possibilità creativa del pirografo e del metallo lavorato a sbalzo, Masini ha offerto piccole spiegazioni (improvvisate nei ristretti spazi della sala espositiva) e dimostrazioni delle sue tecniche artistiche. Tante di loro hanno ascoltato con interesse ed ammirazione. Senz'altro il Comune di Minturno può andare fiero di Silvano e di Tremensuoli. Domenica sera 13 dicembre scorso - alla chiusura della Mostra - è stato girato un video di otto minuti - che riprende l’artista, mentre dimostra l'uso pratico del pirografo - ed è stato poi inserito su Youtube (Intervista di Edvige Carcone, Riprese di Federico Galterio). Per vederlo: www.youtube.com/watch?v=pG9KePzgh1Q. Per Pasqua Silvano Masini intende esporre ancora a Minturno o nei dintorni i suoi lavori ed una riproduzione (in grande formato) a pirografia e colori acrilici de "Il Cristo morto" del Mantegna, che si trova alla pinacoteca di Brera a Milano e che ha potuto vedere ed ammirare direttamente ai primi di maggio del 2009. Per la festa di San Nicandro 2010, avendo un congruo spazio coperto, sarebbe felice di tornare ancora una volta ad esporre i suoi lavori a Tremensuoli, paese dove vive e dove già ha fatto una mostra tanti anni fa. Il paese vorrà dare il dovuto spazio espositivo ad un suo figlio che da tanti anni fa rivivere gli angoli più caratteristici di Tremensuoli in quadri ed orologi sparsi per tutto il mondo? Noi siamo sicuri di sì. Info: Silvano Masini - Via Tremensuoli dal Sottopassaggio 25 - Minturno - Latina - tel. 0771683892 - silvanomasini@yahoo.it.

venerdì 1 gennaio 2010

Tremensuoli: Inaugurato, domenica 27 dicembre, il centro Bucaneve (di Giuseppe Capuano).

Una giornata importante per la presidentessa Marisa Corrente che ha tenuto a rilevare il difficile cammino che ha portato alla realizzazione del nuovo centro ed al grande aiuto dei collaboratori che la hanno affiancata nel progetto. Un Centro che vorrà aiutare non solo i disabili, ma l’intera famiglia grazie non solo all’aiuto dei ragazzi del servizio civile, ma anche d’esperti che forniranno la loro mano completamente gratis con l’unico scopo di aiutare il prossimo nella vita di tutti giorni. Un grosso apprezzamento è stato fatto dall’amministrazione comunale che si è detta pronta a supportare l’associazione per il cammino appena iniziato aiutandola con la fornitura di nuovi computer e tavoli per l’attività quotidiana del centro. Un ricordo particolare del presidente è stato per Flavio Iossa ragazzo scomparso qualche mese fa ma rimasto nei cuori di questa grande famiglia.